Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/416


Oste. La vederà che gh’averò ambizion de servirle. Quanti piatti comandele ?

Lissandro. Sentì, amigo. Mio fradello xe un omo che in te le occasion no se fa vardar drioC) ; trattelo ben, e no ve dubitè gnente.

Oste. Per esempio, cento risi colla quagietta (a)?

Lissandro. Sì ben.

Oste. Un bon pezzo de trioKa de lai suttilo (i) ?

Lissandro. Anzi.

Oste. Un cappon impasta col balsamo del Perù (e) ?

Lissandro. Anca con quel della Mecca, se volè.

Oste. Un fracassè all’ ultima moda ?

Lissandro. Bravo ! evviva la moda !

Oste. Ma ghe raccomando el piatto.

Lissandro. Come el piatto ?

Oste. Perchè m’ impegno che le magnerave anca el piatto.

Lissandro. Ho capìo ; son cortesan ^^\ e no ghe arrivava.

Oste. Lattesini certo (d).

Lissandro. S’ intende.

Oste. Figa de vedello (e) ?

Lissandro. No ghe xe risposta (/).

Oste. Vorla che fazza un contrabbando ?

Lissandro. Che xe mo ?

Oste. Che ghe daga una lengua de manzo salmestrada co le mie man ?

Lissandro. Magari!

Oste. La sentirà che roba ! altro che cale dei Fuseri ! (g) La sen- tirà. Cosa vorla de rosto ?

Lissandro. Cossa gh’aveu de bon? (a) Un piatto di riso colle quaglie, (b) Un bon pezzo di carne di manzo, taglio di coscia, (e) Un cappone grosso. (J) Animelle, (e) Fegato di vitello. (/) Ci s’intende, (g) JìUude alla riputazione che ha il luganegher, o sia pizzicagnolo di calle dei Fuseri per le lingue salate di fresco. ( I ) " Dar da dire o da parlare di ti’: Patriarchi e Boerio. (2) Uomo di mondo, avveduto: Boerio. V. voi. Il, p. 105, n. e.