Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/414


SCENA XIII.

LissANDRo solo, poi il SUO Garzone.

Lissandro. (Apre la porla pian piano colla chiave, ed entra) Ghe n’ ha voleste avanti ch’el vaga via. Me son giazzà ( ’ ) su quella porta quel che sta ben ^^\ Vorave che vegnisse sto mio garzon. Me preme de mandar a casa a tor el relogio. Cossa diavolo falò ? L’osteria xe tanto taccada. Ma dove xe la mia chiave ? (cercando sul tavolino e per terra) Dove diavolo alo ficca la mia chiave ! Ch’el l’abbia portada via ! No crederave mai.

Garzone. Sior patron. (sulla porta con timore)

Lissandro. Vien avanti, che no gh’ è nissun.

Garzone. L’ osto xe avisà, e el vien elo in persona.

Lissandro. Gh’astu dito da sior Gasparo (^) ?

Garzone. Sior sì, da sior Gasparo.

Lissandro. Gh’ astu parla de mi ?

Garzone. Mi no, gnente.

Lissandro. Vorria che ti andassi... Aspetta, caro ti, che no trovo sta maledetta chiave. Bisogna seguro che senza abbadar, el l’abbia portada via. Pazienza ^"^K Bisognerà sta sera che fazza averzer da un favro, e che domattina fazza muar (^^ la serradura.)

Garzone. Comandela altro ?

Lissandro. Aspetta.

Garzone. Vedo l’osto che vien su de la scala.

Lissandro. Va là, va in cusina, fa del fogo, e impizza el fogo in tinello (a).

Garzone. No son miga pratico de sta casa.

Lissandro. Va drento de quella porta, (accenna la porta di fondo) e ti troverà tutto. (a) Tinello : stanza dove si mangia. (1) Agghiacciato. (2) Ben bene, assai: voi. Vili, 150, n. b. Manca tale espressione nel dizionario del Boerlo. (3) In questa scena e nella seguente 1" ed. Zatta dice Gatpero, ma in ogni altro luogo della commedia è stampato tempie Gasparo. (4) Così in questo luogo il testo dello Zatta; più comunemente pazienzia. (5) Mutare.