Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/411


Lissandro. L’ avviserò mi, ghe dirò che ho savesto che andò a disnar fora de casa.

Gasparo. Oh bravo ! ve lasso l’ impegno a vu.

Lissandro. Ma scuseme, sior Gasparo, fè molto mal.

Gasparo. Oh ! i batte.

Lissandro. Mi no gh’ ho sentìo. (osservando la porta per dove è vertuto)

Gasparo. Oh, i ha battìi dall’altra banda.

Lissandro. Gh’ala do porte la vostra casa ?

Gasparo. Sior sì, se va fora anca per de là ; senz’altro sarà mio compare Bernardin che me vien a levar (a).

Lissandro. Vardè se ve podessi dispegnar.

Gasparo. Farò el passibile, ma gh’ ho paura de no podèr. (apre, e parte per V altra porta)

SCENA X.

Lissandro solo.

Ghe scometto che noi xe impegna gnente affatto, o che se el xe impegna, el se poderia despegnar, ma che el lo fa per spilor- zeria. El me giera sta dito ch’el xe deventà una legna (i), ma no lo credeva. Tolè suso (e), aveva immagina la più bella cossa del mondo : son in te l’ impegno, e sta caia (J) me fa perder el piaser e la bona occasion. Cossa dirà sior Raimondo che gh’ ho dà da intender che Gasparo l’ invidava a disnar ? E cossa dirà siora Cecilia che gh’ho dà parola? Maledetta la spilorceria de costù ! Gh’ho una rabbia che se savesse come podèr far a vendicarme... Ma zitto, che me vien un pensier. El m’ ha dito che questa xe la chiave del saggiaor. (prende la) chiave dal tavolino) Se ghe la lasse sparir ?... Ma se el torna, e che noi la trova... Vedemo la mia. (tira fuori la sua) Per diana, gh’ è poca differenza, (confronta le due chiavi) Presto, (a) Che viene a prendermi. (h) Tegna, cioè avaro. (e) Ecco, (d) Spilorcio.