Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/408

402 ATTO PRIMO

SCENA VIII.
Gasparo solo.

Ghe veggio un ben che l’adoro a culìa, ma la cognosso. So da che piè che la zoppega. La vorave el mondo a so modo, e mi lo voggio un pochetto al mio. Vedo che co le bone no se fa gnente, bisogna provar un pochetto co le cattive. No la xe usa, la gh’ha parso un pochetto garbaa. La se userà, la se userà. La farà a modo mio. L’ho volesta venzer anca della chiave. (la riprende da terra) Le xe cosse da gnente, ma xe meggio usarle in ste cosse piccole, per no vegnir al caso de cosse de conseguenza. (si sente a battere) Me par che i batta. La sarave bella che la fusse ella che tornasse indriob. (mette la chiave sul tavolino e va ad aprire)

SCENA IX.
Lissandro ed il suddetto.

Gasparo. Oh! sè vu, sior Lissandro?

Lissandro. Son mi, compare Gasparo. Cossa feu! Steu ben?

Gasparo. Che bon vento ve mena da ste nostre bande?

Lissandro. Amicizia vecchia, amicizia vera, de cuor.

Gasparo. Ve son obbligà del vostro bon amor.

Lissandro. Xe un pezzo che non se vedemo. Cossa feu della vostra vita? Una volta vegnivi qualche mezz’oretta al caffè, qualche sera al casin, adesso no se ve vede più.

Gasparo. Ho tirà in terrac, compare, ho fenio.

Lissandro. Per cossa? Perchè sè maridà? Se pol tender a casa soa, se poi esser marii e de là de mariid, e veder qualche volta i so boni amici. Vu fe un mestier, compare, che gh’ha bisogno de amicizie, de conoscenze, de protezion.

  1. Aspra, dura.
  2. Indietro.
  3. Frase presa da’ gondolieri, che tirano in terra le loro barche, quando cogliono riformarle. Ho fenio, spiega l’intenzion della frase.
  4. Mariti e più che mariti, cioè attaccatissimi alle mogli.