Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/406


Gasparo. Come sarave a dir ?

Tonina. Vardè che scuro ! non vorria che sparagnessi in casa, e che andessi a spenderli fora de casa.

Gasparo. Mi a spenderli fora de casa ! Oh fla mia, me cognossè mal. Dopo che son maridà, non ho paga un caffè a chi si sia. Son galantomo, no gh’ ho da dar gnente a nissun, ma del mio nissun ghe ne magna, e nissun ghe ne magnerà. Voggio goderme quel pochetto che gh’ ho colla mia pase, e colla mia cara muggier.

Tonina. Sì sì, la vostra cara muggier.

Gasparo. No xe fursi vero ?

Tonina. No ve arecordè cossa che m’avè dillo ?

Gasparo. Cossa v’ogio ditto?

Riosa. Son qua co la comanda. (a Tonine)

Tonina. Via, andemo co volè. (a Gasparo)

Gasparo. Ande pur, ma bisogna che resta a casa.

Tonina. Gnanca a compagnarme no volè vegnir ?

Gasparo. Aspetto mio compare Bernardin, che m’ ha da vegnir a levar.

Tonina. Aspetteu sior compare Bernardin, o siora comare Bernardina?

Gasparo. Cossa diavolo diseu ?

Tonina. Sior Gasparo, se me n’accorzo !

Gasparo. Via, via, butte a monte ti putlelezzi. Son omo, son maridà, e no tendo a ste frascherie.

Tonina. Ne vegnireu a levar gnanca ?

Gasparo. Oh siora sì, per vegnirve a levar, siora sì. Subito che m’ho distriga (’\ vegno a torve.)

Tonina. Riosa, dov’ è la chiave del saggiaor (^) ?

Riosa. La xe là su quel tavolin.

Gasparo. Cossa gh’ aveu bisogno della chiave del saggiaor ? No vegnirogio a levarve ?

Tonina. Se capace de farme star là fina a negra notte, e mi gh’ ho da far a casa mia, e voi vegnir co me par e piase. (1) Liberalo, sbrigato. (2) Saliscendi: v. voi. Vili, 131, n. b. Anche saltatelo: V. G. Patriarchi, Vocabolario veneziano e padovano, "i^ ed,, Padova, 1821 e Boerìo cil.