Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/406

400 ATTO PRIMO

Gasparo. Come sarave a dir?

Tonina. Vardè che scuro! non vorria che sparagnessi in casa, e che andessi a spenderli fora de casa.

Gasparo. Mi a spenderli fora de casa! Oh fia mia, me cognossè mal. Dopo che son maridà, non ho paga un caffè a chi si sia. Son galantomo, no gh’ho da dar gnente a nissun, ma del mio nissun ghe ne magna, e nissun ghe ne magnerà. Voggio goderme quel pochetto che gh’ho colla mia pase, e colla mia cara muggier.

Tonina. Sì sì, la vostra cara muggier.

Gasparo. No xe fursi vero?

Tonina. No ve arecordè cossa che m’avè ditto?

Gasparo. Cossa v’ogio ditto?

Riosa. Son qua co la comanda. (a Tonine)

Tonina. Via, andemo co volè. (a Gasparo)

Gasparo. Andè pur, ma bisogna che resta a casa.

Tonina. Gnanca a compagnarme no volè vegnir?

Gasparo. Aspetto mio compare Bernardin, che m’ha da vegnir a levar.

Tonina. Aspetteu sior compare Bernardin, o siora comare Bernardina?

Gasparo. Cossa diavolo diseu?

Tonina. Sior Gasparo, se me n’accorzo!

Gasparo. Via, via, buttè a monte ti puttelezzi. Son omo, son maridà, e no tendo a ste frascherie.

Tonina. Ne vegnireu a levar gnanca?

Gasparo. Oh siora sì, per vegnirve a levar, siora sì. Subito che m’ho distrigà1 vegno a torve.

Tonina. Riosa, dov’è la chiave del saggiaor2?

Riosa. La xe là su quel tavolin.

Gasparo. Cossa gh’aveu bisogno della chiave del saggiaor? No vegnirogio a levarve?

Tonina. Se capace de farme star là fina a negra notte, e mi gh’ho da far a casa mia, e vôi vegnir co me par e piase.

  1. Liberato, sbrigato.
  2. Saliscendi: v. vol. VIII, 131, n. b. Anche saltarelo: V. G. Patriarchi, Vocabolario veneziano e padovano, 3° ed,, Padova, 1821 e Boerio cit.