Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/404

398 ATTO PRIMO

Riosa. Qualo vorla? (a Tonina)

Tonina. Ve digo cussì... (con sdegno)

Gasparo. Zitto! (a Tonina) Quell’ordenario. (a Tiiosa)

Riosa. (Se el scomenzasse a far un pochette da omo, sior sì, che le cosse anderave ben). (parte)

Tonina. E cussì, sior, la s’ha cazza in testa, che ancuo vaga a disnar da mia mare?

Gasparo. Cara la mia cara Tonina, savè se ve voggio ben, se ve amo, se ve respetto, ma qualche volta arecordève che son vostro mario.

Tonina. Qualche volta ah! me l’arecordo anca troppo, e se no ve volesse ben... (le vien da piangere)

Gasparo. (Ghe scometto che la pianze da rabbia, ma n’importa; a poco a poco la modererò).

Tonina. (Mai più nol m’ha parlà come ancuo). (si asciuga gli occhi)

Gasparo. Via, Tonina, via; vien qua, fia mia, ti sa che te voggio ben.

Tonina. Quanti ghe n’avemio del mese?

Gasparo. Cinque, fia mia.

Tonina. De che mese semio?

Gasparo. De Febraro.

Tonina. Ben, ben, sto zorno me lo ricorderò.

Gasparo. Perchè no v’ho desmissià stamattina?

Tonina. Sior no, la veda, patron: perchè ancuo per la prima volta la m’ha dito voggio.

Gasparo. Oh adesso ho capio. E vu che sè una bona muggier, per contentar el mario, anderè da vostra siora mare, senza nissuna difficoltà.

Tonina. Ghe anderò, perchè son una bona minchiona.

Gasparo. No, fia mia; disè che gh’anderè perchè me volè ben.

Tonina. Ve voggio ben, ma... sior Gasparo...

Gasparo. Gh’andereu, o no gh’andereu?

Tonina. No v’ogio ditto che gh’anderò?

Gasparo. Sia ringrazià el cielo. (tira fuori un lunario e una penna da lapis, e fa un segno.)