Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/401


CHI LA FA L'ASPETTA 395

Tonina. Via, siora dottora, cossa vorressi dir? Chi ve sente vu, pareria che fusse una stramba.

Riosa. No parlo altro.

Tonina. Tra mario e muggier se cria, se se magna i occhi, e po se fa pase, e la xe fenia.

Riosa. Se la fusse fenia!

Tonina. Tasè là, che son stuffa.

Riosa. (El xe el più bon omo del mondo, e la lo fa desperar). (da sè)

Tonina. Siora! cossa diseu? (con sdegno)

Riosa. Oh digo de ste calze.

Tonina. No vorria che ve tolessi troppe bonemana.

Riosa. Oh la tasa, che credo ch’el sia elo.

Tonina. Da che banda? (guardando alle due porte laterali)

Riosa. Da sta banda qua. Lo conosso in tel far la scala.

Tonina. Via, via, me ne contento. El xe vegnù a un’ora discreta; averzìgheb.

Riosa. No gh’alo la chiave?

Tonina. N’importa. Averzìghe; gh’aveu paura d’incomodarve?

Riosa. Siora Ssì, no la vaga in collera. (si alza e va ad aprire) (La xe proprio impastada de velen). (da sè)

Tonina. (La gh’ha rason, culìa1, ma no posso far de manco). (da sè) E cussì xelo elo?

SCENA VII.
Gasparo e dette.

Gasparo. Siora sì, son mi. (con ciera ridente)

Tonina. Bravo sior, dove seu sta fin adesso? (ridendo)

Gasparo. Fin adesso! non xe gnancora disisett’ore.

Tonina. Digo fin adesso, perchè sè andà via che dormiva, e non

v’ho più visto. (ridendo)

  1. Troppa di libertà.
  2. Apritegli.
  1. Colei.