Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/400

394 ATTO PRIMO


magnar un boccon a strangolon1 e po’ piantarme qua fin a negra notte.

Riosa. Ma almanco la sera el vien a casa a bonora, el sta qua con ella...

Tonina. La sarave bella che nol vegnisse gnanca la sera.

Riosa. Oh, cara siora, quanti ghe n’è...

Tonina. Quanti ghe n’è, quanti ghe n’è... (con forza, interrompendola)

Riosa. La me lassa dir; elo no gh’ha casin...

Tonina. No ghe mancarave altro.

Riosa. Nol zoga...

Tonina. Sì, xe vero; nol cognosse gnanca le carte.

Riosa. Nol gh’ha pratiche... se la m’intende...

Tonina. Oh in questo po, no so gnente.

Riosa. Gh’ala qualche suspetto?

Tonina. Xe qualche tempo che gh’ho sto balina.

Riosa. Ma con che fondamento? El xe tutto el zorno fora de casa.

Tonina. Cossa sogio mi? I omeni, co i s’ha messo el tabano e el cappello, vattela a pesca dove che i va.

Riosa. Oh co no la gh’ha altro fondamento che questo...

Tonina. Che altro fondamento voleu che gh’abbia?

Riosa. Che sogio mi? Credeva che la savesse qualcossa.

Tonina. Che savesse qualcossa? De dia, se fosse sicura de gnente, poveretto élo. Ch’el varda ben... che l’ara drettob, perchè son fia de mia siora mare.

Riosa. Vèdela, cara siora patrona. La me compatissa: la se scalda per gnente.

Tonina. Oh in ste cosse son delicata.

Riosa. La gh’ha rason, per questo la gh’ha rason; ma la me compatissa, xe el ben che me fa parlar...

Tonina. E mi xe el ben che qualche volta me fa andar in collera con mio mario.

Riosa. Qualche volta la dise!

  1. Sospetto.
  2. Arar dritto, per metafora, condursi bene.
  1. "Con somma fretta ": Cameroni, in Capolavori di C. G., cit.