Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/399


CHI LA FA L'ASPETTA 393

SCENA VI.

Camera con due porte laterali, ed una nel fondo; un tavolino da una parte con una testa da scuffia ed una cestella, e con due sedie di paglia polite.

Tonina, poi Riosa.

Tonina. Riosa. (chiama, e si mette a lavorare intorno ad una scuffia)

Riosa. Siora. (viene lavorando, facendo le calze)

Tonina. L’aveu visto mio mario stamattina?

Riosa. Mi no, siora, che no l’ho visto. Xelo fora de casa sior Gasparo?

Tonina. Sior Gasparo? Che bisogno ghe xe che disè sior Gasparo ? Se dise el patron.

Riosa. La gh’ha rason, siora sì. Xelo fora de casa el patron?

Tonina. Siguro ch’el xe fora de casa. El s’ha levaà su stamattina

el xe andà via, che no l’ho gnanca sentio.

Riosa. Caspita, siora patrona, bisogna ben che la dormisse pulito! (siede e lavora)

Tonina. Bisogna; e sì, savè, giersera, appena ho messo la testa sul cavezzal, me son subito indormenzada.

Riosa. Ma! co se gh’ha el cuor contento, se dorme ben.

Tonina. Son contenta, xe vero. Ma anca mi gh’ho delle cattive zornae.

Riosa. Cara ella, cossa ghe manca?

Tonina. No me manca gnente; ma stago sempre col batticuor.

Riosa. De cossa?

Tonina. No vede ch’el xe sempre a torziona.

Riosa. El va per i so interessi.

Tonina. Sia malignazo quando el s’ha messo a far el sanser.

Riosa. Cara siora patrona, no xe stada ella che gh’ha fatto aver sta carica da sanser?

Tonina. No saveva miga mi che per far sto mistier el s’avesse da levar all’alba, e che l’avesse da vegnir1 a casa a

  1. A gironi, qua e là girando.
  1. Nell’ed. Zatta: venir.