Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/398

392 ATTO PRIMO

Bortolo. Oh certo che no la saverà dir che qualche santolaa ghe le ha regalae?

Cecilia. Voleu che ve la diga? In sti polacchi mi no ghe vogio intrar.

Bortolo. Cara sorella, andemo.

Cecilia. Sior no, sior no.

Bortolo. Vardè, se el caso, se l’accidente me pol esser più favorevole. Cercava un’occasion de poderghe parlar, e la me capita, e volè che me la lassa scampar?

Cecilia. Andeghe vu.

Bortolo. Cara sorella, vegnì anca vu.

Cecilia. Sior Lissandro ha ditto che se sior Raimondo vede che ghe xe dei putti da maridar, el se metterà in sospetto, e l’anderà via.

Bortolo. Zanetto no xelo da maridar?

Cecilia. Avevimo ditto de vestir Lucietta, e finzerla so muggier. (ridendo)

Bortolo. Sì ben, e vu sarè mia muggier de mi.

Cecilia. Eh via, matto.

Bortolo. Cara vu, cara fia, cara ti. (facendole delle carezze fraterne)

Cecilia. Sentì, per farve servizio, vegnirò; ma abbiè giudizio, no me fe scene, e no me fe smattar1.

Bortolo. Cossa songio 2, un puttelo?

Cecilia. E le buccole no ghe le stè a dar.

Bortolo. Tolè, dèghele vu...

Cecilia. De qua...

Bortolo. No, no; ghe le darò mi.

Cecilia. Abbiè prudenza.

Bortolo. Sangue de diana! ancuo chi me pol?3 Me par che tutto el mondo sia mio. (parte)

Cecilia. Eh putti senza giudizio. E po? E po, dopo tre dì, no la xe più quellab. (parte)

  1. Matrina, comadre che ha tenuto a battesimo o alla cresima.
  2. Dopo tre giorni si annoterà della moglie.
  1. Farsi scorgere, burlare, svergognare: vol. XII, p. 442, n. 2.
  2. Persone, seguito da interrogativo.
  3. "Chi potrebbe competere meco? chi mi può resistere?" O anche: "Chi può oggi impormi?" (Musatti). - Manca in tal senso nel dizionario del Boerio.