Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/396

390 ATTO PRIMO

SCENA V.
Cecilia, poi Bortolo.

Cecilia. Semo de carneval, xe vero; gh’ho dà parola, ma per dir la verità, no so miga se ghe anderò. Ghe penserò suso avanti de andar.

Bortolo. Ho visto sior Lissandro. Aveu compra le buccole?

Cecilia. Le ho comprae. Vele1 qua, vardè; xele belle?

Bortolo. Belle. No me n’intendo; ma le par belle. Quanto le aveu pagae?

Cecilia. Stimèle.

Bortolo. Vinti ducati?

Cecilia. Quanti zecchini fali?

Bortolo. Sie zecchini, manco otto lire.

Cecilia. Povero martuffo!

Bortolo. Mo se v’ho ditto che no me n’intendo.

Cecilia. A forza de parole, el me l’ha lassae per tre zecchini.

Bortolo. Via, via, son contento. (le incarta e le mette via)

Cecilia. Se pol saver a chi volè far sto presente?

Bortolo. Ve dirò pò.

Cecilia. Me pareria che a vostra sorella...

Bortolo. Mo se vel dirò. (vuol partire)

Cecilia. Vegnì qua, ve vôi domandar un consegio.

Bortolo. Che xe?

Cecilia. Xe stà qua quel scempio de sior Zanetto...

Bortolo. Oh caro! Se savessi giersera che scene che s’ha fatto sora de elo!

Cecilia. El me l’ha ditto. E cussÌ ghe giera qua anca quel mattarana de sior Lissandro. Zanetto n’ha contÀ che l’è innamorÀ, e alle curte Lissandro s’ha impegnÀ de farlo disnar ancuo in t’un terzo liogo in compagnia de sta so morosa, e i vorave che ghe andasse anca mi. Cossa diseu?

Bortolo. Mi ve consegio de no ghe andar.

  1. Eccole.