Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/394

388 ATTO PRIMO

Cecilia. Ma mi sta zente no la cognosso.

Lissandro. N’ importa : la meno in casa d’un galantomo ; la se divertirà.

Cecilia. Divertimose pur.

Lissandro. Ma per non dar sospetto a sior Raimondo, gh’avera- vela difficoltà de far una cossa ? (a Cecilia)

Cecilia. Disème cossa.

Lissandro. De passar ela e sior Zanetto per mario e muggier.

Cecilia. Mi passar per so muggier!

Zanetto. Sì, sì, cara ela, la prego.

Cecilia. E se siora Tonina e sior Gasparo che me cognosse, i ne scoverzirà... (a Lissandro)

Zanetto. Saveu che la gh’ ha rason ? (a Lissandro)

Cecilia. Piuttosto poderia passar per so sorella. (a Lissandro)

Zanetto. Oh sì, sì, mia sorella.

Lissandro. Ma se sior Raimondo vede che ghe xe dei putti da maridar, el se pol metter in testa de voler andar via.

Zanetto. Cospetto de diana !

Cecilia. Femo cussì, vestimo Lucietta, e fèmola passar per so muggier.

Lissandro. Chi èla1 Lucietta?

Cecilia. La mia serva.

Zanetto. Oh sì sì, la serva.

Lissandro. La xe ditta. Vago da sior Raimondo, e po subito da sior Gasparo, e magneremo, e rideremo, e se goderemo.

Zanetto. E se goderemo. Ma mi no ghe so miga andar.

Cecilia. Anderemo insieme.

Zanetto. Ma in maschera no ghe vo^i vegnir.

Cecilia. No ? Per cossa ?

Zanetto. La vede ben ; co2 se xe in maschera, se xe spennacchiaia, no se pol miga parer bon3.

  1. Spennacchiato, arruffato, male accomodato.
  1. Un è rinforzato dal pronome : più spesso xéla : v. Boerio.
  2. Qui significa quando : vol. II, p. 170, n. a.
  3. Qui significa comparire, far bella figura : vol. XII, p. 150, n. 3.