Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/392

386 ATTO PRIMO

Lissandro. No, siora Cecilia, no la rida, perchè le xe cosse che no xe da rider. (con serietà)

Zanetto. Ah cossa diseu, vu che se omo, ah! (a Lissandro)

Lissandro. Digo cussì che la me fa compassion, e mi che pratico in quella casa, son capace de servirla da amigo e da galantomo.

Zanetto. Oh magari! Oh siestu benedetto! (lo bacia)

Cecilia. Ma come xela stada? Se pol saver?

Zanetto. L’ho vista giersera a un festin. Vederla e amarla fu in un punto solo. L’ho vardada, la m’ha vardà. L’ho saludada, la m’ha saludà. L’ho invidada a ballar... la m’ha refudà1. (si getta dolente su la sedia)

Cecilia. (Oh matto maledetto!) (da sè)

Lissandro. La l’ha refudà! (a Zanetto, seriamente)

Cecilia. Possibile sta cossa! (a Zanetto, ironicamente)

Zanetto. Da puttoa, la m’ha refudà, e se nol credè, domandeghelo a sior Bortolo, ch’el giera presente anca lu. (a Cecilia)

Cecilia. Ghe giera anca mio fradello? (a Zanetto)

Zanetto. Siora sì, el ghe giera anca èlo, e come ch’el xe mio amigo, el l’ha dito a tutti... No so se de mi o de ella, i s’ha messo a rider, e a sganassar2.

Cecilia. Oh, senz’altro, i averà ridesto de ella.

Zanetto. L’è quel che digo anca mi.

Lissandro. (La lassa far a mi). (piano a Cecilia) Sior Zanetto, questa xe la prima volta che gh’ho l’onor de conosserla; ma vedo che el xe un galantomo, vedo ch’el gh’ha della passion, el me fa peccà.

Zanetto. Amigo, no vardè che sia fio de fameggia, perchè in t’un bisogno vederè chi son.

Lissandro. No gh’è bisogno de gnente. Vorla che mi ghe procura l’occasion de trovarse in compagnia de siora Cattina?

Zanetto. Oh magari! (balza dalla sedia)

  1. Specie di giuramento: da giovine onesto.
  1. Rifiutato, respinto.
  2. Sbellicarsi dalle risa (da ganassa, guancia): vol. XII, p. 161, n. 2.