Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/391


CHI LA FA L'ASPETTA 385

Zanetto. Son cotto, sbasìo1, desperà, fora de mi, fora de fogo, fora de sesto, no posso più. (così dicendo passeggia a gran passi, e poi si getta sulla sedia.)

Lissandro.(No daria sta zornada per tutte le opere e per tutte le commedie del mondo). (da sè)

Cecilia. Se pol saver chi xe quella che ve fa spasemar?

Zanetto. Una cagna, una sassina, che me vol far morir.

Cecilia. Cossa v’ala fatto?

Zanetto. La m’ha ferìo el cuor.

Cecilia. Cussì presto?

Zanetto. In t’un batter d’occhio.

Cecilia. Se la v’ha ferìo, la ve pol guarir.

Zanetto. Siora no. Questo xe el mio mal. No la gh’ha carità, no la gh’ha compassion. (salta in piedi)

Lissandro. La perdona, come mai in t’una sera...

Zanetto. Vu no gh’intrè, sior; andè via de qua a vender la vostra roba.

Lissandro. Ghe domando perdon. M’interesso, perchè se la podesse aiutar...

Zanetto. Oh amigo, se vedessi che tocco! (a Lissandro, prendendolo per la mano)

Lissandro. (Oh bello!) (da sè)

Cecilia. Ma se pol saver chi la sia?

Zanetto. Ghe lo dirò, ma no i diga gnente a nissun.

Cecilia. No parlo.

Lissandro. No gh’è pericolo.

Zanetto. Conosseli sior Raimondo Berlingozzi?

Lissandro. Un marcante bolognese. Se el cognosso! La diga: anca sì che la xe la siora Cattina so fia2?

          Zanetto. "Ecco la fonte del mio mal crudele,
          "Ecco la piaga... che ha piagato il core.

Cecilia. Oh bravo! (ridendo)

Zanetto. La ride? (a Cecilia, con muso duro)

  1. Basito, tribolato, morto: vol. II, pag. 158, n. b.
  2. Figlia.