Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/390

384 ATTO PRIMO

Lissandro. Zelenza, se la gh’avesse bisogno de fornimenti da scarpe, da zenturini, bottoni da camisa, fiubea da cappello, fiube da collo, anelli, stucchi, relogi.

Zanetto. (Fa cenno di no.)

Cecilia. De ste cosse el ghe n’averà, caro vecchio; lassèghe veder qualcossa da donna. (Za son segura che nol ghe n’ha un). (piano a Lissandro)

Zanetto. (Si trova imbrogliato, e non sa come dir di no.)

Lissandro. La varda ste buccole, sti anelli, sto fior da testa. L’avantaggio che la gh’averà da mi, no la lo gh’averà da nissun.

Cecilia. Via, animo, sior milord, la compra.

Zanetto. (Si mette a ridere forte.)

Cecilia. Cossa gh’ala che la ride?

Zanetto. (Seguita a ridere.)

Cecilia. Cossa diseu? con che bona grazia ch’el ride? (a Lissandro)

Lissandro. Se la voi, sceglierà sta signora qualcossa per ela. (a Zanetto)

Zanetto. Noi non vogliamo comprare diamanti di Muranob. (a Lissandro, caricando la voce)

Lissandro. La me perdoni, questa no xe roba da strapazzar.

Cecilia. Vorla che ghe diga, che la me par un bel matto.

Zanetto. (Levandosi il volto) Ah ah, non la m’ha cognossù, non la m’ha cognossù.

Cecilia. Oh no l’aveva miga cognossù, vede. (ironica)

Zanetto. Patrona, siora Cecilia. Mettè via quella roba, (a Lissandro)

Lissandro. (La ghe fa mal ai occhi). (mette via)

Cecilia. Cossa falo, sior Zanetto? Stalo ben?

Zanetto. Siora no, stago mal. (si mette a sedere con sgarbo)

Cecilia. Cossa gh’alo?

Zanetto. Son innamorà. (stendendosi sulla sedia)

Cecilia. Poverazzo! quanto xe?

Zanetto. Da giersera in qua. (balza in piedi)

Cecilia. E ve sè innamora cussì presto?

  1. Fibbie.
  2. Diamanti falsi, cristalli che si fanno a Murano.