Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/389


Lucietta. E se noi xe elo ?

Cecilia. Sappième dir chi xe.

Lucietta. Siora sì. (parie)

Cecilia. EI cognosseu sior Zanetto Bigolini ? (a LissanJro)

Lissandro. Mi no.

Cecilia. Fermeve qua, se no gh’avè da far, che se el xe elo, conosserè un capo d’opera.

Lissandro. In che genere ?

Cecilia. In genere de cargadura, de scempiagine, de tutto quel che volè.

Lissandro. Cospetto ! me lo goderò volentiera, A ste cosse mi ghe vago de vita (a).

Cecilia. Oh siestu malignalo ! (i) el xe elo, el xe elo. (guardando oerso la scena)

SCENA III.

Zanetto e detti.

Zanetto. (Mascherato in bautta, con caricatura, entra seriosamente cre-) dendo non esser conosciuto.

Cecilia. Sior Zanetto, patron.

Zanetto. (Fa cenno con la testa che non è lui.)

Lissandro. (Oh co bello !)

Cecilia. Eh via, maschera, che ve cognosso.

Zanetto. (Fa dei lazzi, volendo sostenere che non è lui.)

Cecilia. Noi xe elo, via, noi xe elo. (toccando col gomito Lissandro) Mo chi mai xe sta maschera ! Vardè co pulito ! Vardè con che bona grazia ! Qualche forestier certo, qualche milord che me fa sto onor.

Zanetto. (Sì consola, e procura di far da signore.)

Lissandro. Co r è cussi, vago via, zelenza. (saluta Zanetto)

Cecilia. No, no, reste, lassèghe veder, che poi esser ch’el compra qualcossa. (a Lissandro) (a) Ghe vago de vita : me le godo infinitamente, (b) Malignazo : quasi maledetto, per isclierzo, e modestamente.