Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/372

366 ATTO QUINTO

Agapito. Non so che dire, sono stordito, mi sta bene, e mi consolo che i poveri miei danari abbiano prodotto un sì bel matrimonio.

Oste. Signori, la cena è pronta. L’anderò a prendere se volete.

Gottardo. Sì andate, e noi frattanto ci metteremo a tavola, ed augureremo la felice notte a tutti questi signori.

Fine della Commedia.