Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/341


LA BURLA RETROCESSA 335


ATTO TERZO.
SCENA PRIMA.
Altra camera in casa di Gottardo con un armerone in fondo, e tavola apparecchiata.

Pandolfo, Costanza, Roberto, Leandro, Agapito. Tutti a sedere a tavola, osservando che Roberto sia vicino a Costanza. Servitori servono; la tavola è al desere1.

Agapito. Signori, alla salute del signor Gottardo. (beve) (Tutti fanno applauso, e bevono alla salute di Gottardo e di Placida. Roberto e Costanza parlano piano di quando in quando fra di loro.)

Pandolfo. Ma io non posso stare allegro; io sono mortificatissimo, caro signor Agapito, voi ci avete obbligati a metterci a tavola,

  1. Così l’ed. Zatta. Altre edizioni posteriori stampano: desert.