Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/23


Zelinda. Qui neppure. (a LinJoro)

Lindoro. Va tutto bene. (sfanJo sulla porta in allo di andarsene)

Zelinda. Benissimo. (nella stessa situazione)

Lindoro. Addio.

Zelinda. Vogliatemi bene.

Lindoro. E che nessuno lo sappia.

Zelinda. Nessuno r ha da sapere. (partono)

SCENA III.

Fabrizio esce dall’ armadio.

Non dubitate, che nessun lo saprà. Sono venuto a tempo. Non mi sono ingannato, ed ho scoperto abbastanza. Lindoro è anch’ egli una persona civile, che si nasconde per amor di Zelinda ? Tanto peggio per me. Bisogna cercare il modo di farlo cacciare di questa casa. Il mezzo più sicuro è quello del signor don Flaminio. Egli ama Zelinda, e se viene a sa- pere i segreti amori di lei con Lindoro, son sicuro che farà di tutto per allontanare un rivale, ed io medesimo lo avvertirò, e gli suggerirò di disfarsene sicuramente. Bisogna ch’ io na- sconda il mio amor per Zelinda, che faccia valere l’interesse ch’ io prendo per il mio padrone, e che mi serva dell’ amor suo per facilitare il mio. Vado subito a ritrovarlo. Ma eccolo ch’ egli viene. Eh il diavolo è galantuomo, contribuisce di buona voglia alle cattive intenzioni.

SCENA IV.

Dori Flaminio e detto.

Flaminio. Dov’ è Zelinda, che non si vede ?

Fabrizio. Signore, io non so dove sia, ma so dov’ è stata finora.

Flaminio. Come ! Dove è ella stata ? Vi è qualche novità ? (affettando dell’ agitazione)

Fabrizio. Vi è una novità, signore, che deve interessare la vostra passione, ed anche il vostro decoro. b