Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/95



Titta Nane. Veggio farme piccare (a), ma avanti, sangue de diana, ghe ne voggio colegare (b) tre o quattro!

Toffolo. So qua. Come xéla?

Titta Nane. Arme, fora arme.

Toffolo. Mi no so gnente. (corre via e s’incontra violentemente con) Isidoro urtandosi, ed Isidoro dà una spinta a Toffolo e lo getta in terra

Isidoro. Ah bestia!

Toffolo. Aiuto.

Isidoro. Con chi la gh’astu? (a Toffolo)

Toffolo. I me voi dare. inalzandosi

Isidoro. Chi è che te vuol dar?

Toffolo. Titta Nane.

Titta Nane. No xe vero gnente.

Isidoro. Va via de qua subito. (a Titta Nane) VlCENZO. Noi la gh’ha co elo, lustrissimo; el la gh’ha co Beppo e con paron Toni.

Isidoro. Va via de qua, te digo. (a Titta Nane) VlCENZO. Via, andemo, cognè obbedire, cognè (e), (a Titta Nane)

Isidoro. (Menèlo via, paron Vicenzo, e tegnilo con vu, e tratte-) gnive sotto el portego((/) in piazza, dal barbier o dal marze- retto (e), che se vorrò, se ghe sarà bisogno, ve manderò pò a chiamar). (a Vicenzo) VlCENZO. (Sarà obedìa, lustrissimo). Andemo. (a Titta Nane)

Titta Nane. No voggio vegnire.

Vicenzo. Andemo co mi, no te dubitare. So omo, so galantomo, vie (y) co mi, non te dubitare.

Isidoro. Via, va con elo; e fa quel che te dise paron Vicenzo; e abbi pasenzia, e aspetta, che poi esser che ti sii contento, e che te fazza dar quanta sodisfazion che ti voi.

Titta Nane. Me raccomando a eia, lustrissimo. So poveromo, so galantomo, siò cogitore; me raccomando a eia, siò cogitore lustrissimo. (parte) (a) Voglio farmi impiccare. (b) Stender per terra, ammazzare. (e) Con- viene, (d) Sotto le arcate, (e) Picciolo o povero venditore di merci. (/) Vieni.