Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/94

86 ATTO TERZO

SCENA XVII.
Titta Nane, poi Toni, Beppo e dette.

Titta Nane. Coss’è? Cossa astu dito dei fatti mii? (a Lucietta)

Lucietta. Va in malora. Va a parlare con Checca. (parte)

Orsetta. No ghe tendo, che la xe una matta. (a Titta Nane)

Toni. Che muodo xe questo de strapazzare? (a Orsetta)

Orsetta. Via, che sè tutta zente cattiva. (a Toni)

Beppo. Orsetta, Orsetta!

Orsetta. Vatte a far squartare. (parte)

Toni. E ti no stare più a vegnire per casa, che no te voggio. (a Titta Nane)

Beppo. E no bazzegare qua oltraa, che no te volemo. (a Titta Nane)

Titta Nane. Giusto, mo, per questo mo ghe voggio vegnire.

Beppo. Se a Marmottina ghe l’ho promettue b, a ti, mare de diana! te le darò, vara. (entra in casa)

Titta Nane. Chiò sto canelaoc (fa un atto di disprezzo)

Toni. In tartana da mi no ghe stare a vegnire. Provedite de paron, che mi me provederò de omo. (entra in casa)

SCENA XVIII.
Titta Nane, poi paron Vicenzo, poi Toffolo, poi Isidoro.

Titta Nane. Corpo de una gaggiandrad! qualchedun me l’ha da pagare.

Vicenzo. Titta Nane, com’èla?

Titta Nane. Petto de diana! petto de diana! Arme, fora arme.

Vicenzo. Va via, matto. No star a precipitare.

  1. In questi contorni.
  2. Prometue, promesse.
  3. Per fare un canelao, ch’è un atto di disprezzo, scuotono la mano dritta, lasciata pendere come morta, e fanno che il dito indice batta sul dito medio, e chi ha più forza nella mano, fa sentir d'avvantaggio il suono.
  4. Di una tartaruga.