Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/88



Titta Nane. Caro lustrissimo, la prego, no la se n’abbia per male.

Isidoro. No, no me n’averò per mal. (Son curioso de sentir) cossa che el gh’ha in testa de dirme).

Titta Nane. Mi parlo co tutto e respetto. Baso dove che zappa (!) e siò cogitore (a); ma se m’avesse da maridare, no vorria che un lustrissimo gh’avesse tcuita premura per mia muggier.

Isidoro. Oh che caro Titta Nane! Ti me fa da rider, da ga- lantomo. Per cossa credistu che gh’abbia sta premura per quella putta?

Titta Nane. Che cade (i)? Affin de ben, affin de ben, che cade? (ironico)

Isidoro. Son un zovene onesto, e non son capace...

Titta Nane. Eh! via, che cade?

Isidoro. (Oh che galiotto!)

SCENA XIII.

Paron VlCENZO e detti, poi Toffolo.

Vicenzo. So qua, lustrissimo. Finalmente l’ho persuaso a vegnire.

Isidoro. Dov’èlo?

Vicenzo. El xe de fuora: che lo chiame?

Isidoro. Chiamèlo.

Vicenzo. Toffolo, vegnì a nu(c).

Toffolo. So qua (d), pare. Tissimo (e ). (a Isidoro, salutandolo)

Isidoro. Vien avanti.

Toffolo. Lustrissimo siò cogitore. (salutandolo ancora)

Isidoro. Dime un poco, per cossa no vustu dar la pase a quei tre omeni, coi quali ti ha avù stamattina quella contesa?

Toffolo. Perchè, lustrissimo, i me vuol amazzare. (a) Bacio la terra, cioè i piedi del signor coadiutore. (b) Che serve? (e) Venite a noi, cioè venite qua. (d) Padre; termine d’amicizia verso i più vecchi d’età. (e) Illustrissimo. ( I ) Zapar, posare i piedi, calcare: Patriarchi e Boerìo.