Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/87



gh’aveva dusento e passa (a) ducati. M’ha parso che la dota ve comoda; m’ha parso che la putta ve piasa. Cossa me scambieu adesso le carte in man?

Titta Nane. Lustrissimo, mi no ghe scambio gnente, lustrissimo. L’abbia da saere che a Lucietta, lustrissimo, xe do anni che ghe fazzo l’amore, e me son instizzao (è), e ho fatto quel che ho (atto, per zelusia e per amore, e la gh’ho licenzia. Ma la) gh’abbia da saere, lustrissimo, che a Lucietta ghe voggio ben, ghe voggio; e co un omo xe instizzao, no! sa quello ch’a se dighe. Stamattina Lucietta l’averave mazza, e za un puoco(c) gh’ho voleste dare martello (’); ma co ghe penso, mare de diana! lustrissimo, no la posso lassare; e ghe voggio ben, ghe voggio. La m’ha affrontao, la gh’ho licenzia; ma me schioppa el cuor (d).

Isidoro. Oh bella da galantomo! E mi ho manda a chiamar donna Libera e paron Fortunato per parlarghe de sto negozio e domandarghe Checca per vu.

Titta Nane. Grazie, lustrissimo. (con dispiacere)

Isidoro. No la volè donca?

Titta Nane. Grazie alla so bontae. (come sopra)

Isidoro. Sì? o no?

Titta Nane. Co bo (e) respetto: mi no, lustrissimo.

Isidoro. Andeve a far squartar (/), che no me n’importa.

Titta Nane. Comuodo pàrlela (g), lustrissimo? So poveromo, so un povero pescaore; ma so galantomo, lustrissimo.

Isidoro. Me despiase, perchè gh’averave gusto de maridar quella putta.

Titta Nane. Lustrissimo, la me compatissa, se no ghe fasse af- fronto, ghe vorave dire do parole, ghe vorave dire.

Isidoro. Disè pur: cossa me voressi dir? (a) Dugento e più. (b) Sono andato in collera, (e) E poco fa. (J) Mi crepa il cuore, (e) Buono, e qui vuol dire: con sua permissione. (/) Andate al diavolo. (§) Come parla? (I) Figuratamente: pena, travaglio, gelosia. V. Boeno.