Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/84

76 ATTO TERZO

SCENA X.
Lucietta, Orsetta, Checca, Pasqua e Libera.

Lucietta. (Aveu sentìo cossa che el gh’ha dito? Bella putta el gh’ha dito).

Pasqua. (Mo via, cossa vustu andar a pensare?)

Lucietta. E ela? Siorìa, Titta Nane, siorìa, Titta Nane, (caricandola) forte, che sentano.

Checca. Coss’è, siora, me burleu?

Orsetta. Dighe che la se varda ela.

Libera. Che la gh’ha el so bel da vardare.

Lucietta. Mi? Oh de mi ghe xe puoco da dire; che cattive azion mi no ghe ne so fare.

Pasqua. Via, tasi, no te n’impazzarea. No sastu chi la xe? Tasi. (a Lucietta)

Checca. Cossa semiob?

Orsetta. Cossa voressi dire? (a Libera)

Libera. Via; chi ha più giudizio, el dopera c. (a Orsetta)

Lucietta. Oh la savia Sibilla! Le putte che gh’ha giudizio, parona, le lassa star i novizzi, e no le va a robar i morosi.

Orsetta. A vu cossa ve robemio?

Lucietta. Titta Nane xe mio novizzo.

Checca. Titta Nane v’ha licenzià.

Pasqua. No xe vero gnente.

Libera. Tutta la contràd l’ha sentìo.

Pasqua. Via, che sè una pettegola.

Orsetta. Tasè là, donna stramba e.

Lucietta. Sentì che sbrenàf!

Libera. Sentì che bella putta! (con ironia e collera)

Lucietta. Meggiog de to sorella.

Checca. No ti xe gnanca degna de minzonarme h.

Lucietta. Povera sporca!

  1. Non ti meschiare con esso loro.
  2. Che cosa siamo?
  3. Proverbio.
  4. Tutta la strada dove sono.
  5. Spropositata.
  6. Sfrenata.
  7. Meglio.
  8. Di pronunciare il mio nome.