Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/83


LE BARUFFE CHIOZZOTTE 75


Titta Nane. (Oe! mi no me slontanoa dal cogitore). (da sé)

Beppo. Orsetta, a revéderse.

Orsetta. Xestu in collera? (a Beppo)

Beppo. Via, che cadeb? A monte, a monte. Se parleremo.

(parte con paron Toni e paron Vicenza)

SCENA IX.
Isidoro, Checca, Lucietta, Pasqua e Titta Nane.

Checca. (La diga, lustrissimo?) (a Isidoro, piano)

Isidoro. (Coss’è, fia?)

Checca. (Gh’alo parlà?)

Isidoro. (Gh’ho parlà).

Checca. (Coss’alo dito?)

Isidoro. (Per dirvela, nol m’ha dito nè sì, né no. Ma me par che i dusento ducati no ghe despiasa).

Checca. (Me raccomando).

Isidoro. (Lassè far a mi). Via, andemo, Titta Nane.

Titta Nane. So qua con ela. (in atto di partire)

Lucietta. Gnancac, patron? Gnanca1 un strazzo de saludo? (a Titta Nane)

Pasqua. Che creanza gh’aveu? (a Titta Nane)

Titta Nane. Patrone. (con disprezzo)

Isidoro. Via, saludè Checchina. (a Titta Nane)

Titta Nane. Bella putta, ve saludo. (con buona grazia, Lucietta smania)

Checca. Siorìa, Titta Nane.

Titta-Nane. (Gh’ho gusto che la magna l'agio2 Lucietta, gh’ho gusto; me voggio refare). (parte)

Isidoro. (Anca questo per mi xe un divertimento). (parte)

  1. Non mi allontano
  2. Che serve?
  3. Nemmeno.
  1. Così tutte le edizioni del settecento. Pasquali, Guiberl-Orgeas, Zatta ecc. In alcune edizioni moderne (in quella, per esempio, curata da Ernesto Masi) per rendere la lettura più facile, è stampato: Gnanca, patron, gnanca ecc.
  2. Magnar l’agio, rodersi dentro, e vale avere una grande ira e non poterla sfogare: Patriarchi, l. c, e così pure Boerio.