Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/82

74 ATTO TERZO


dito che camina quanto che voggio, e che no staghe più a bacilarea. (a paron Vicenzo)

Orsetta. Parlè mo adesso, se gh’ave fià de parlare. (a Lucietta) No ve l’oggio dito che gh’avemo per nu el cogitore?

SCENA VII.
Comandadore e detti.

Comandadore. Paron Toni Canestro, Beppo Cospettoni e Titta Nane Moiette, vegnì subito a Palazzo con mi da sior cancellier.

Pasqua. Oh poveretta mi!

Lucietta. Semo sassinai.

Pasqua. Che fondamento ghe xe in te le vostre parole? (a Orsetta)

Lucietta. De cossa ve podeu fidare de quel panchiana del cogitore? (a Orsetta)

SCENA VIII.
Isidoro e detti.

Lucietta. (Uh!) (vedendo Isidoro)

Isidoro. Chi è che me favorisse?

Orsetta. Vela là b, lustrissimo. Mi no so gnente. (accennando Lucietta.

Lucietta. Cossa vorli dai nostri omeni? Cossa ghe vorli far?

Isidoro. Gnente; che i vegna con mi, e che no i gh’abbia paura de gnente. Son galantomo. Me son impegnà de giustarla, e sior cancellier se remette in mi. Andè, paron Vicenzo, andè a cercar Marmottina, e fe de tutto de menarlo da mi; e se nol voi vegnir per amor, disèghe che lo farò vegnir mi per forza.

Vicenzo. Sior sì; so qua, co se tratta de far del ben. Vago subito. Beppe, paron Toni, vegnì co mi, che v’ho da parlare.

Toni. So co vu, compare. Co so co vu, so seguroc. (parte)

  1. Che non ci pensi, ch’io non abbia paura.
  2. Eccola lì.
  3. Sono con voi, amico; andiamo: quando.«ono con voi, son sicuro.