Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/81



Libera. Ve l’avemio dito?

Checca. Semio nu le busiare(a)?

Orsetta. Semio nu che ve vuol sassinare?

Beppe. Cossa v’insunieu? Cossa v’andeu a inventare? (a T^asqua e Ludetta)

SCENA V.

Paron VlCENZO e delti.

Orsetta. Velo qua paron Vicenzo. No xe giusta tutto, paron Vicenzo? VlCENZO. No xe giusta gnente.

Orsetta. Come no xe giusta gnente? VlCENZO. No gh’è caso che quel musso ustinà (i) de Marmottina voggia dar la pase (e), e senza la pase no se puoi giustare.

Pasqua. Oe, sentìu!

Lucietta. No ve Foggio dito?

Pasqua. No ghe credè gnente.

Lucietta. No xe giusta gnente.

Pasqua. No ve fide a caminare.

Lucietta. Andeve subito a retirare.

SCENA VI.

Titta Nane e detti.

Pasqua. Oh! Titta Nane, cessa feu qua?

Titta Nane. Pazzo quello che voggio, fazzo.

Pasqua. (Oh! no la ghe xe gnancora passa).

Lucietta. No gh’avè paura dei zaffi? (a Titta Nane)

Titta Nane. No gh’ho paura de gnente. (a Ludetta, con sdegno) So stao dal cogitore; el m’ha mandao a chiamare, e el m’ha (a) Bugiarde. (6) Si dice per proverbio: ostinato come un mulo, o come un musso, che vuol dir somaro. (e) Rifiuta di dar la pace.