Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/79



Checca. Oh che busiare!

Orsetta. E1 xe vegnìi a parlare con Checca.

Libera. E pò el xe andao a sentarse da to sorella.

Orsetta. E el gh’ha pagao la zucca.

Checca. Basta dire che Titta Nane ha licenziao Lucietta.

Beppo. L’ha licenzia mia sorella? Per cossa?

Checca. Per amore de Marmottina.

Orsetta. E mi cossa gh’oggio da intrare?

Beppo. Marmottina no xe vegnìi a parlare co ti? (a Orsetto) L’ha parlao co Lucietta? E Titta Nane l’ha licenzia?

Orsetta. Sì, can, no ti me credi, baron? No ti credi alla to povera Orsetta, che te voi tanto ben; che ho fatto tanti pianti per ti; che me desconisso (a) per causa toa?

Beppo. Cossa donca me vienle a dire quelle petazze?

Libera. Per scaregarse eie, le ne càrega nu.

Checca. Nu no ghe femo gnente, e eie le ne vuol male.

Beppo. Che le vegna a ca, che le vegna! (in aria minacciosa)

Orsetta. Zitto, che le xe qua.

Libera. Tasè.

Checca. No ghe disè gnente.

SCENA III.

Pasqua e Lucietta col ninzoletto sulle spalle, e detti.

Lucietta. Coss’è? (a Beppo)

Pasqua. Cossa fastu qua? (a Beppo)

Beppo. Cossa me seu vegnue a dire? (con sdegno)

Lucietta. Senti.

Pasqua. Vie qua, senti.

Beppo. Cossa v’andeu a inventare?...

Lucietta. Mo vie qua, presto. (con affanno)

Pasqua. Presto, poveretto ti!

Beppo. Coss’è? Cossa gh’è da niovo? (si accosta, e Io prendono in mezzo) (a) Mi struggo.