Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/71



Isidoro. (Oh che dretta(a)!) Aveu visto nissun con delle arme contro de elo?

Orsetta. Sior sì.

Isidoro. Chi giereli?

Orsetta. No m’arecordo.

Isidoro. Se i nominerò, ve i arecordereu?

Orsetta. Se la i nominerà, ghe responderò.

Isidoro. (Siestu maladetta! La me vuol far star qua fin sta sera). Ghe giera Titta Nane Moletto?

Orsetta. Sior sì.

Isidoro. Ghe giera paron Toni Canestro?

Orsetta. Sior sì.

Isidoro. Ghe giera Beppe Cospettoni?

Orsetta. Sior sì.

Isidoro. Brava, siora Meggiotto.

Orsetta. E1 diga: gh’alo nissun soranome elo?

Isidoro. Via via, manco chiaccole. (scrivendo)

Orsetta. (Oh! ghe lo metterò mi: el sior cogitore giazzao (t)).

Isidoro. Toffolo Marmottina alo tratto delle pierae?

Orsetta. Sior sì, el ghe n’ha tratto. (Magari in te la testa del) cogitore!)

Isidoro. Cossa diseu?

Orsetta. Gnente, parlo da mia posta. No posso gnanca parlare?

Isidoro. Per cossa xe nato sta contesa.3

Orsetta. Cossa vorlo che sappia?

Isidoro. (Oh, son debotto stufo!) Saveu gnente che Titta Nane gh’avesse zelusia de Toffolo Marmottina?

Orsetta. Sior sì; per Lucietta Panchiana.

Isidoro. Saveu gnente che Titta Nane abbia licenzia Lucietta Panchiana?

Orsetta. Sior sì, ho sentio a dir che el la gh’ha licenzia.

Isidoro. (Checca ha dito la verità. Vederò de farghe sto ben). Oh via, debotto se destrigada (e). Quanti anni gh’aveu? (a) Furba, accorta, (b) Agghiacciato, cioè non ricco, (e) Or ora siete spicciata.