Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/69


LE BARUFFE CHIOZZOTTE 61

Isidoro. No ve vergognè, semo soli; parleme con libertà.

Checca. Titta Nane, se lo podesse avere, mi lo chioravea.

Isidoro. No xelo el moroso de Lucietta?

Checca. El la gh’ha licenzià.

Isidoro. Se el l’ha licenziada, podemo veder se el ve volesse.

Checca. De quanto sarala la dota?

Isidoro. De cinquanta ducatib.

Checca. Oh sior sì! Cento me ne dà mio cugnà. Altri cinquanta me ne ho messi da banda col mio balonc. Mi credo che Lucietta no ghe ne daghe tanti.

Isidoro. Voleu che ghe fazza parlar a Titta Nane?

Checca. Magari, lustrissimo!

Isidoro. Dove xelo?

Checca. El xe retirà.

Isidoro. Dove?

Checca. Ghel dirò in t’una recchia, che no voria che qualcun me sentisse. (gli parla nell' orecchia)

Isidoro. Ho inteso. Lo manderò a chiamar. Ghe parlerò mi, e lasse far a mi. Ande, putta, andè, che no i diga, se me capìd! (suona il campanello)

Checca. Uh! caro lustrissimo benedetto.

Comandadore. La comandi.

Isidoro. Che vegna Orsetta.

Comandadore. Subito. (parte)

Isidoro. Ve saverò dir. Ve vegnirò a trovar.

Checca. Lustrissimo sì. (s'alza) Magari che ghe la fasse veder a Lucietta! Magari!

SCENA XIII.
Orsetta e detti, poi il Comandadore

Orsetta. (Tanto ti xe stada? Cossa t’alo esaminà?) (piano a Checca).

  1. Lo prenderei per marito.
  2. Vi sono moltissime doti di fondazione, che si dispensano alle fanciulle: quelle di 50 ducati sono delle migliori riguardo a quella sorta di gente.
  3. Cioè col suo lavoro.
  4. Che non si mormori di noi.