Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/68



Isidoro. Per cossa mo ghe voleveli dar a Toffolo Marmottina?

Checca. Perchè Titta Nane fa l’amore co Lucietta Panchiana, e Marmottina ghe xe andao a parlare, e el gh’ha pagao la zucca barucca.

Isidoro. Ben; ho capio, basta cussi. Quanti anni gh’aveu? (a)

Checca. El vuol saver anca i anni?

Isidoro. Siora sì; tutti chi se esamina, ha da dir i so anni; e in fondo dell’esame se scrive i anni. E cussi, quanti ghe n’aveu?

Checca. Oh! mi no me li scondo i mi anni. Disisette fenii.

Isidoro. Zurè d’aver dito la verità (i).

Checca. De cossa?

Isidoro. Zurè, che tutto quel che ave dito nel vostro esame, xe la verità.

Checca. Sior sì, zuro che ho dito la verità.

Isidoro. El vostro esame xe finio.

Checca. Posso andar via donca.

Isidoro. No, fermève un pochetto. Come steu de morosi?

Checca. Oh! mi no ghe n’ho morosi.

Isidoro. No disè busie.

Checca. Oggio da zurare?

Isidoro. No, adesso no ave più da zurar; ma le busie no sta ben a dirle. Quanti morosi gh’aveu?

Checca. Oh mi! nissun me vuol, perchè son poveretta.

Isidoro. Voleu che ve lazza aver una dota?

Checca. Magari (e)!

Isidoro. Se gh’avessi la dota, ve marideressi?

Checca. Mi sì, lustrissimo, che me marideria.

Isidoro. Gh’aveu nissun per le man?

Checca. Chi vorlo che gh’abbia?

Isidoro. Gh’aveu nissun che ve vaga a genio?

Checca. El me fa vergognare. (a) Nella pratica criminale dello Stato Veneto è ordinato che prima di dar il giuramento ai testimoni, si domandi la loro età, affine di vedere se sono in età di giurare. Ciò si pratica ancora verso di quelli che mostrano età pro- vetta, (i) La vuol far giurare di aver detto la verità in rapporto alla baruffa; ma Checca crede la voglia far giurare circa all’età. (e) Dio volesse!