Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/67



Orsetta. Oe, siò cogitore: no la ne fazza star qua tre ore, che gh’avemo da fare, gh’avemo. (parte)

Isidoro. Sì, sì, ve destrigherò presto.

Libera. Oe, ghe la raccomando, salo? El varda ben che la xe una povera innocente. (a Isidoro)

Isidoro. In sti loghi no ghe xe pericolo de ste cosse.

Libera. (El xe tanto ingalbanìo (a), che me fido puoco). (parte)

SCENA XII.

Isidoro e Checca, poi il Comandadore.

Isidoro. Vegnì qua, fia, sentève qua. (siede)

Checca. Eh! sior no, stago ben in pie.

Isidoro. Sentève, no ve voggio veder in pie.

Checca. Quel che la comanda. (siede)

Isidoro. Cossa gh’aveu nome?

Checca. Gh’ho nome Checca.

Isidoro. El cognome?

Checca. Schiantine.

Isidoro. Gh’aveu nissun soranome?

Checca. Oh giusto, soranome!

Isidoro. No i ve dise PuinettaO?

Checca. Oh! certo, anca elo me vuol minchionare, (s’ingrugna)

Isidoro. Via, se sé bella, siè anca bona. Respondème. Saveu per cossa che siè chiamada qua a esaminarve?

Checca. Sior sì, per una baruffa.

Isidoro. Contème come che la xe stada.

Checca. Mi no $o gnente, che mi no ghe giera. Andava a ca co mia sorella Libera, e co mia sorella Orsetta, e co mio cu- gnà Fortunato; e ghe giera paron Toni, e Beppe Cospettoni, e Titta Nane, che i ghe voleva dare a Toffolo Marmottina, e elo ghe trava delle pierae. (a) Rosso, ingalluzzato. (I) Puìna significa ricotta. V. pag. 23.