Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/64



VlCENZO. Crédala mo, lustrissimo, che colìi che xe vegnù a que- relare, sia innocente? L’ha tratto anca elo delle pierae.

Isidoro. Tanto meggio. Co la formazion del processo rileveremo la verità. VlCENZO. La diga, lustrissimo: no la se poderave giustare?

Isidoro. Ve dirò: se ghe fusse la pase (a) de chi xe offeso, salve le spese del processo, la se poderave giustar. VlCENZO. Via, lustrissimo; la me cognosse, so qua mi, la me varda mi.

Isidoro. Ve dirò, paron Vicenzo. V ho dito che la se pode- rave giustar; perchè fin adesso dal costituto dell’indolente (4) no ghe xe gran cosse. Ma no so quel che possa dir i testi- moni; e almanco ghe ne vói esaminar qualchedun. Se no ghe sarà delle cosse de più; che no ghe sia ruze (e) vecchie, che la baruffa no sia stada premeditada, che no ghe sia prepotenze, pregiudizi del terzo, o cosse de sta natura, mi anzi darò man a l’aggiustamento. Ma mi per altro no vói arbitrar. Son cogitor (d), e no son cancelHer, e ho da render conto al mio principal. El cancellier xe a Venezia, da un momento all’altro el s’aspetta. El vederà el processetto; ghe parlare vu, ghe parlerò anca mi; a mi utile no me ne vien, e no ghe ne veggio. Son galantomo, me interesso volentiera per tutti; se poderò farve del ben, ve farò del ben. VlCENZO. Eia parla da quel signor che la xe; e mi so quel che averò da fare.

Isidoro. Per mi, ve digo, no voggio gnente. VlCENZO. Via, un pesse, un bel pesse.

Isidoro. Oh! fina un pesse, sì ben. Perchè gh’ho la tola (e), ma anca a mi me piase far le mie regolette (/). VlCENZO. Eh! lo so che siò cogitore el xe de bon gusto, siò cogitore. (a) La pace. (i) Dogliante, querelante. (e) Contese vecchie. (</)

Coadiutore. (e) Ho la locala, cioè mangio alla tavola del cancelliere, o del pubblico Rappresentante. (/) Stravizio. ( 1 ) RegoUla, osservò Cesare Musatti - non equivale propriamente a stravizio, ma a piccolo banchetto in lieta brigata d" amici » (C. Gold, e il Oocab. venez., Vcn. 1913, p. 36). Specie di garangbèlo, spiega Boerio.