Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/63



Comandadore. Per esaminarse.

Fortunato. Le cugnae anca?

Comandadore. Anca eie.

Fortunato. Anca e putte a andare? E putte, anca e putte (a)?

Comandadore. No vale co so sorella maridada? Cossa gh’ale paura?

Fortunato. E pianse, e ha paura, no le vuò andare.

Comandadore. Se no le gh’anderà, sarà pezo per eie. Mi ho fatto el mio debito. Farò la riferta che sé citai, e pensèghe vu. (parte)

Fortunato. Bisogna andare, bisogna; bisogna andare, muggiere (i). Muggiere, mettite el ninzoletto (e), muggiere. Cugnà Orsetta, e ninzoetto. Cugnà Checca, e ninzoetto. Bisogna andare, (forte verso) la scena) Bisogna, bisogna andare. Maledìo e baruffe, i baroni furbazzi. Via petto (J), trighève (e), cossa leu? Donne, femene: maledìo, maledìo, petto. Ve vegnio a petubare(/), ve vegnio a petubare. (entra in casa)

SCENA VIII.

Cancelleria.

Isidoro e paron Vicenzo.

Vicenzo. La vede, lustrissimo, la xe una cossa da gnente.

Isidoro. Mi no ve digo che la sia una gran cossa. Ma ghe xe V indolenza (g), ghe xe la nomina dei testimoni, xe incoà el processo: la giustizia ha d’aver el so logo. (a) Le fanciulle ancora deggiono andare, deggiono essere esaminate? (b) Parla a sua moglie, ch’è in casa, (e) Una specie di manto di tela bianca (0,) che portano le Chiozzotte sul capo e sul dosso, come le Veneziane portano il zendale, cioè un simile manto di seta. (J) Presto. (e) Spicciatevi. (/) A battere: minaccia sua moglie che, se non fa presto, le darà le busse, (e) I Veneziani si servono del termine indolenza per doglianza, ch’è la querela della parte offesa e pregiudicata. Tutti sanno che indolenza significa tutto il con- trario; ma l’uso autorizza i termini. (I) Si vedano anche i Pellegalezzi delle donne, voi. VI, p. 478.