Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/62

54 ATTO SECONDO

Titta Nane. Perchè no gh’ave giudizio; perchè sè una frasca.

Lucietta. Va in malora, strambazzoa.

Titta Nane. Anderò via bandìo, ti sarà contenta.

Lucietta. Bandìo ti anderà? Viè quab. Per cossa bandìo?

Titta Nane. Ma se ho d’andare, se i m’ha da bandire1, Marmottina lo voi mazzare.

Lucietta. Xestu matto?

Titta Nane. E ti, e ti, ti me l’ha da pagare, (a Lucietta, minacciandola.)

Lucietta. Mi? Che colpa ghe n’oggio?

Titta Nane. Vàrdete da un desperao, vàrdete.

Lucietta. Oe, oe, vien el comandadore.

Titta Nane. Poveretto mi! Presto, che no i me vede, che no i me fazze chiapparec. (parte)

Lucietta. Can, sassin, el va via, el me manazzad. Xelo questo el ben che el me vuole? Mo che omeni! Mo che zente! No, no me voggio più maridare. Più tosto me voggio andar a negaree. (parte)

SCENA VII.
Il Comandadore di casa ecc.2 e paron Fortunato.

Comandadore. Mo, caro paron Fortunato, sè omo, savè cossa che xe ste cosse.

Fortunato. Mi a susof no e so mai stao 3 , a suso. Cancelaìa mai stao mi, cancelaìa.

Comandadore. No ghe sè mai sta in cancellaria?

Fortunato. Siò no, siò no, so mai stao.

Comandadore. Un’altra volta no dire più cussì.

Fortunato. E pe cossa gh’ha a andà mia muggiere?

  1. Collerico. impertinente.
  2. Vien qua.
  3. Prendere e mettere in prigione.
  4. Minaccia.
  5. Gettar in canale, affogare.
  6. Là sopra, cioè al Palazzo.
  1. Così l’ed. Zatta. Nell’ed. Pasquali: se m’ha da bandire; Marmottina ecc.
  2. Ed. Zatta: Il Comandadore esce di casa.
  3. Non ci sono mai stato.