Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/60

52 ATTO SECONDO

Pasqua. Mo no gh’ala rason? Se sè pezo d’un can.

Titta Nane. Voleu ziogare che me vago a trar in canale?

Pasqua. Via, matto!

Lucietta. Lassè che el vaga, lassè. (come sopra, piangendo)

Pasqua. Via, frascona!

Titta Nane. Gh’ho volesto ben, gh’ho volesto. (intenerendosi)

Pasqua. E adesso no più? (a Titta Nane)

Titta Nane. Cossa voleu? Se no la me vuole.

Pasqua. Cossa distu, Lucietta?

Lucietta. Lassème stare, lassème.

Pasqua. Tiò le to scarpe, tiò la to cordella, tiò la to zendalina. (a Lucietta)

Lucietta. No voggio gnente, no voggio.

Pasqua. Vien qua, senti. (a Lucietta)

Lucietta. Lassème stare.

Pasqua. Dighe una parola.

Lucietta. No.

Pasqua. Vegnì qua, Titta Nane.

Titta Nane. Made.

Pasqua. Mo via. (a Titta Nane)

Titta Nane. No voggio.

Pasqua. Debotto ve mando tutti do a far squartare.

SCENA IV.
Il Comandadore e detti.

Comandadore. Seu vu donna Pasqua, muggier de paron Toni Canestro? (a Pasqua)

Pasqua. Missiersì, cossa comandeu?

Comandadore. E quella xela Lucietta, sorella de paron Toni? (a Pasqua)

Pasqua. Sior sì; cossa voressi da ela?

Lucietta. (Oh poveretta mi! Cossa vuorlo el comandadore?)

Comandadore. Ve cito per ordine de chi comanda, che andè subito a Palazzo in cancellaria a esaminarve.