Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/59



Pasqua. Oh poveretta mi! Xestu matta? (raccoglie la roba, e la) mette sulla seggiola.

Titta Nane. A mi sto affronto?

Lucietta. No m’aveu licenzia? Tolè la vostra roba, e peltèvela(a).

Titta Nane. Se parlerè co Marmottina, lo mazzero.

Lucietta. Oh viva diana! M’ave licenzia, e me voressi anca mo comandare?

Titta Nane. V ho licenzia per colù, v’ho licenzia.

Pasqua. Me mara veggio anca, che crediè che Lucietta se voggia laccare con quel squartao (b).

Lucietta. So brutta, so poveretta, so tutto quel che volè, ma gnanca co un battelante no me ghe tacco (e).

Titta Nane. Per cossa ve lo feu sentar arente? Per cossa toleu la zucca barucca?

Lucietta. Vare che casi!

Pasqua. Vare che gran criminali!

Titta Nane. Mi, co fazzo l’amore, no voggio che nissun possa dire. E la voggio cussi, la voggio. Mare de diana! A Titta Nane nissun ghe l’ha fatta tegnire (d). Nissun ghe la farà portare (e).

Lucietta. Vare là, che spuzzetta (/)! (si asciuga gli occhi)

Titta Nane. Mi so omo, saveu? so omo. E no son un puttelo, saveu?

Lucietta. (Piange, mostrando di non voler piangere.)

Pasqua. Cossa gh’astu? (a Lucietta)

Lucietta. Gnente. (piangendo dà una spinta a donna Pasqua)

Pasqua. Ti pianzi?

Lucietta. Da rabbia, da rabbia, che lo g^-annerave colle mie man.

Titta Nane. Via, digo! Cossa xe sto fifare (g)? (accostandosi a Lucietta)

Lucietta. Ande in malora.

Titta Nane. Sentiu, siora? (a donna Pasqua) (a) Vuol dire: tenetela, falene quel che volete; ma l’espressione è in- giuriosa, (b) Vagabondo, birbante. (e) Non mi attacco, cioè non faccio all’amore. (d) (e) Tutte due queste frasi significano egualmente: nessuno ha jatto, e nessuno )arà torto, o soverchierie. (/) Delicato, pretendente. (g) Piangere.