Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/58



Pasqua. Vare che sesti! Per cossa?

Titta Nane. Per cossa, per cossa!...

Lucietta. (S’alza per andar via.)

Pasqua. Dove vastu?

Lucietta. Dove che voggio. (va in casa, e a suo tempo ritoma)

Pasqua. No stè a badare ai pettegolezzi. (a Titta Nar\e)

Titta Nane. So tutto, e me maraveggio de vu, e me maraveggio de eia.

Pasqua. Mo se la ve voi tanto ben.

Titta Nane. Se la me volesse ben, no la me volterave le spalle.

Pasqua. Poverazza! La sarà andada a pianzere, la sarà andada.

Titta Nane. Per chi a pianzerO? Per Marmottina?

Pasqua. Mo no, Titta Nane, mo no, che la ve voi tanto ben! che co la ve vede andar in mare, ghe vien l’angossa. Co vien suso dei temporali, la xe mezza matta; la se stremisse (2) per causa vostra. La se leva suso la notte, la va al balcon (3) a vardar el tempo. La ve xe persa drio(4), no la varda per altri occhi che per i vostri.

Titta Nane. E perchè mo no dirme gnanca una bona parola?

Pasqua. Non la puoi; la gh’ha paura; la xe propriamente in- groppa (a).

Titta Nane. No gh’ho rason fursi de lamentarme de eia?

Pasqua. Ve conterò mi, come che la xe sta.

Titta Nane. Sior no; voi che eia mei diga, e che la confessa, e che la me domanda perdon.

Pasqua. Ghe perdonereu?

Titta Nane. Chi sa? Poderave esser de sì. Dove xela andà?

Pasqua. Vela qua, vela qua che la vien.

Lucietta. Tolè, sior, le vostre scarpe, le vostre cordelle (i), e la vostra zendalina (e) che m’ave dà. (getta tutto in terra) (a) Il dolore le toglie il respiro, (i) Nastri, (e) Altra specie di nastro più (ino.) (I) Neil’ed. Pasquali: pianger. (2) Slremirse, sbigottirsi. «Si dice del tremore che nasce per lo più da improvvisa paura: Boerio, 1. e. (3) Intendevi alla fineilra. (4) Esser perduto d’alcuno o d’alcuna, vale esseme grandemente innamorato >: Boerio.