Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/56

48 ATTO SECONDO

Pasqua. Me despiase che i nostri omeni i ha avuo da precipitare.

Lucietta. Eh! gnente. Toffolo xe un martuffo1; no sarà gnente.

Pasqua. Beppe vol licenziar Orsetta.

Lucietta. Ben! El ghe ne troverà un’altra; a Chiozza no gh’è carestia de putte.

Pasqua. No, no; de quarantamile aneme che semo, mi credo che ghe ne sia trentamile de donne.

Lucietta. E quante che ghe ne xe da maridare!

Pasqua. Per questo, vedistu? me despiase, che se Titta Nane te lassa, ti stenterà a trovarghene un altro.

Lucietta. Cossa gh’oggio fatto mi a Titta Nane?

Pasqua. Gnente no ti gh’ha fatto; ma quelle pettegole l’ha messo suso.

Lucietta. Se el me volesse ben, nol ghe crederave.

Pasqua. No sastu che el xe zeloso?

Lucietta. De cossa? No se può gnanca parlare? No se può ridere? No se se può devertire? I omeni i sta diese mesi in mare; e nualtre avemo da star qua muffe muffea a tambascareb co ste malignaze mazzocchec?

Pasqua. Oe, tasi, tasi; el xe qua Titta Nane.

Lucietta. Oh! el gh’ha la smarad. Me n’accorzo, col gh’ha la smara.

Pasqua. No ghe star a fare el muson.

Lucietta. Se el me lo farà elo, ghe lo farò anca mi.

Pasqua. Ghe vustu ben?

Lucietta. Mi sì.

Pasqua. Mòlighee , se ti ghe vol ben.

Lucietta. Mi no, varè.

Pasqua. Mo via, no buttare testardaf .

Lucietta. Oh! piuttosto crepare.

Pasqua. Mo che putta morgnonag!

  1. Melanconiche.
  2. Annoiarsi lavorando per forza.
  3. Mazzette colle quali lavorano i merletti.
  4. Fa il grugno, cioè è in collera.
  5. Cedi; comincia tu a parlare, fagli buona ciera.
  6. Non essere ostinata.
  7. Puntigliosa.
  1. Uno sciocco: v. vol. VIII, 162 e 169 ecc.