Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/55


LE BARUFFE CHIOZZOTTE 47

Toffolo. Me preme seguro, siò comandadore.

Comandadore. Me paghereu da bever?

Toffolo. Volentiera, siò comandadore1.

Comandadore. Ma mi no so miga dove che i staga

Toffolo. Ve l’insegnerò mi, siò comandadore.

Comandadore. Bravo, sior Marmottina.

Toffolo. Sieu maledetto, siò comandadore. (partono)

SCENA II.

Strada, come nella prima scena dell’atto primo.

Pasqua eLucietta escono dalla loro casa, portando le loro sedie di paglia, i loro scagni e i loro cuscini, e siedono, e si mettono a lavorare merletti..

Lucietta. Ale mo fatto una bella cossa quelle pettazzea? Andare a dire a Titta Nane che Marmottina m’è vegnù a parlare?

Pasqua. E ti astu fatto ben a dire al to fradelo2 quello che ti gh’ha dito?

Lucietta. E vu, siora? No avè dito gnente, siora?

Pasqua. Sì ben; ho parlà anca mi, e ho fatto mal a parlare.

Lucietta. Malignazo! Aveva3 zurà anca mi de no dire.

Pasqua. La xe cussì, cugnà, credème, la xe cussì. Nualtre femene, se no parlemo, crepemo.

Lucietta. Oe; no voleva parlare, e no m’ho podesto tegnire. Me vegniva la parola alla bocca, procurava a inghiottire e me soffegava. Da una recchia i me diseva: tasi; da quell’altra i diseva: parla. Oe, ho serrà la recchia del tasi, e ho slargà la recchia del parla; e ho parlà fina che ho podesto.

  1. Pettegole.
  1. Comandador, messo dei tribunali al quale incombeva intimare gli atti giudiziari e pubblicare gli editti;: Boerio, Diz. citato. V. anche Mutinelli, Lessico Veneto, e altri autori.
  2. Nell’ed. Zatta e in molte altre leggesi: al to fradel.
  3. Ed. Zatta: avea.