Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/55



Toffolo. Me preme seguro, siò comandadore.

Comandadore. Me paghereu da bever?

Toffolo. Volentiera, siò comandadore (’).

Comandadore. Ma mi no so miga dove che i staga

Toffolo. Ve r insegnerò mi, siò comandadore.

Comandadore. Bravo, sior Marmottina.

Toffolo. Sieu maledetto, siò comandadore. (partono)

SCENA II.

Strada, come nella prima scena dell’atto primo.

Pasqua e Lucietta escono dalla loro casa, portando le loro sedie di paglia, i loro scagni e i loro cuscini, e siedono, e si mettono a lavorare merletti.

Lucietta. Ale mo fatto una bella cossa quelle pettazze (a)? Andare a dire a Titta Nane che Marmottina m’è vegnìi a parlare?

Pasqua. E ti astu fatto ben a dire al to fradelo (2) quello che ti gh’ha dito?

Lucietta. E vu, siora? No ave dito gnente, siora?

Pasqua. Sì ben; ho parla anca mi, e ho fatto mal a parlare.

Lucietta. Malignazo! Aveva (3) zurà anca mi de no dire.

Pasqua. La xe cussi, cugnà, credème, la xe cussi. Nualtre fe- mene, se no parlemo, crepemo.

Lucietta. Oe; no voleva parlare, e no m’ho podesto tegnire. Me vegniva la parola alla bocca, procurava a inghiottire e me sof- fegava. Da una recchia i me diseva: tasi; da quell’altra i di- seva: parla. Oe, ho serra la recchia del tasi, e ho slarga la recchia del parla; e ho parla fina che ho podesto. (a) Pettegole. (1) Comandador, messo dei tribunali al quale incombeva intimare gli atti giudiziari e pubblicare gli editti;: Boerio, Diz. citato. V. anche Mutinelli, Lessico Veneto, e sJlri autori. (2) Neil’ed. Zatta e in molte altre leggesi: al lo fradel. (3) Ed. Zatta: acca.