Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/54

46 ATTO SECONDO

Toffolo. Ghe giera donna Pasqua Fersora e Lucietta Panchiana.

Isidoro. (Oh! anca queste so chi le xe). (scrive) Gh’astu altro da dir?

Toffolo. Mi no, lustrissimo.

Isidoro. Fastu nissuna istanza alla giustizia?

Toffolo. De cossa?

Isidoro. Domandistu che i sia condannai in gnente?

Toffolo. Lustrissimo sì.

Isidoro. In cossa?

Toffolo. In galìa, lustrissimo.

Isidoro. Ti sulle forche, pezzo de aseno.

Toffolo. Mi, sior? Per cossa?

Isidoro. Via, via, pampalugoa. Basta cussì, ho inteso tutto, (scrive in un piccolo foglio.)

Toffolo. (No vorave che i me vegnisse anca lori a querelare, perchè gh’ho tratto delle pierae1 . Ma che i vegna pure; mi so sta el primo a vegnire, e chi è 'l primo, porta via la bandiera2). (da sè)

Isidoro. (Suona il campanello.)

Comandadore. Lustrissimo.

Isidoro. Ande a citar sti testimoni. (s’alza)

Comandadore. Lustrissimo sì, la sarà servida.

Toffolo. Lustrissimo, me raccomando.

Isidoro. Bondì, Marmottina.

Toffolo. Zavatta, per servirla.

Isidoro. Sì, zavatta, senza siòla, senza tomera3, senza sesto, e senza modello. (parte)

Toffolo. El me vol ben el siò cogitor. (al comandadore, ridendo)

Comandadore. Sì, me n’accorzo. Xeli per vu sti testimoni?

Toffolo. Siò sì, siò comandadore.

Comandadore. Ve preme che i sia citai?

  1. Babbuino.
  1. Pierada, «colpo di pietra, di sasso, di ciottolo»: Boerio cit.
  2. Ricordo della regata.
  3. Senza tomaio: v. Boerìo.