Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/53


LE BARUFFE CHIOZZOTTE 45

Toffolo. Mi so Zavatta, no so Marmottina. Chi m’ha messo sto nome, xe stao una carogna, lustrissimo.

Isidoro. Debotto te dago un lustrissimo sulla coppa.

Toffolo. L’abbia la bontà de compatire.

Isidoro. Chi xe quei che t’ha manazzà?

Toffolo. Paron Toni Canestro, e so fradelo, Beppe Cospettonia; e po dopo Titta Nane Moletto b.

Isidoro. Gh’aveveli arme?

Toffolo. Mare de diana se i ghe n’aveva! Beppe Cospettoni gh’aveva un cortelo da pescaore. Paron Toni xe vegnuo fuora con un spadon da taggiare la testa al toro1 , e Titta Nane gh’aveva una sguèa2 de quelle che i tien sotto poppe in tartana.

Isidoro. T’hai dà? T’hai ferìo?

Toffolo. Made. I m’ha fatto paura.

Isidoro. Per cossa t’hai manazzà? Per cossa te voleveli dar?

Toffolo. Per gnente.

Isidoro. Aveu crià? Ghe xe sta parole?

Toffolo. Mi no gh’ho dito gnente.

Isidoro. Xestu scampà? T’astu defeso? Come xela fenìa?

Toffolo. Mi so sta là... cussì... Fradei, digo, se me volè mazzare, mazzème, digo.

Isidoro. Ma come xela fenìa?

Toffolo. Xe arrivao delle buone creature, e i li ha fatti desmettere, e i m’ha salvao la vita.

Isidoro. Chi xe sta ste creature?

Toffolo. Paron Fortunato Cavicchio, e so muggiere donna Libera Galozzo, e so cugnà Orsetta Meggiotto, e un’altra so cugnà Checca Pumetta.

Isidoro. (Sì sì, le cognosso tutte custìe. Checca tra le altre xe un bon tocchettoc). (scrive) Ghe giera altri presenti?

  1. Soprannome di Beppe, e significa un pesce salato che vien di fuori, in barile, meno stimato dell’arringa.
  2. Soprannome di Titta Nane, ed è il nome di un altro pesce, simile al merluzzo, ma picciolo.
  3. Un buon bocconcino. Una bella fanciulla.
  1. Ricordo della caccia del toro.
  2. «Termine del contado verso Padova»: Boerio cit. «Cinquadea, nome che s’attribuisce per ischerzo alla spada»: Patriarchi, Vocabolario cit.