Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/52



Isidoro. Siestu maledetto! Lassa star quel lustrissimo.

Toffolo. Mo no, siò cogitore, la me staga a sentire, e cussi, co- muodo (a) ch’a ghe diseva, mi no ghe fazzo gnente, e i m’ha dito che i me vuol amazzare.

Isidoro. Vien qua; aspetta. (prende un foglio per scrivere)

Toffolo. So qua, lustrissimo. (Maledii! I me la gh’ha da pagare.).

Isidoro. Chi estu ti?

Toffolo. So battelante, lustrissimo.

Isidoro. Cossa gh’astu nome?

Toffolo. Toffolo.

Isidoro. E1 cognome?

Toffolo. Zavatta.

Isidoro. Ah! no ti xe scarpa (b), ti xe zavatta e ).

Toffolo. Zavatta, lustrissimo.

Isidoro. Da dove xestu?

Toffolo. So chiozzotto, da Chiozza.

Isidoro. Astu padre?

Toffolo. Mio pare, lustrissimo, el xe morto in mare.

Isidoro. Cossa gh’avevelo nome?

Toffolo. Toni Zavatta, Baracucco (e).

Isidoro. E ti gh’astu nissun soranome?

Toffolo. Mi no, lustrissimo.

Isidoro. Xe impossibile che no ti gh’abbi anca ti el to so- ranome.

Toffolo. Che soranome vuorla (2) che gh’abbia?

Isidoro. Dime, caro ti: no xestu sta ancora, me par, in can- celleria?

Toffolo. Siò sì, una volta me son vegnìi a esaminare.

Isidoro. Me par, se no m’inganno, d’averte fatto citar col nome de Toffolo Marmottina. (a) Come. (b) Moltissimi Chiozzotli sono della famiglia Scarpa; quelli principalmente che vanno a vendere gli erbaggi a Venezia, non si conoscono con altro nome, (e) Soprannome. (I) Scherza sui nomi scarpa e ciabatta. (2) Così l’ed. Zatla. Neil’ed. Pasquali si legge vuoila.