Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/503



Pandolfo. Eccomi qui, non mi vedete?

Garzone. Scusatemi. (’) lo non avea l’ cnor di conoscervi. Mi manda da voi monsieur de la Griffe

Pandolfo. Lo stampatore?

Garzone. Sì signore, lo stampatore.

Pandolfo. Buono! questi (^) è il giovane ch’io aspettava, (a Filippo)

Filippo. (Qual rapporto può egli avere con sua figliuola (^)?)

Garzone. Voi siete stato servito. Eccovi una copia de’ piccioli affissi, (’^^ in cui troverete l’articolo che gli avete ordinato, (gli dà) un foglio stampato.

Pandolfo. Ma no, il vostro padrone è una bestia, non mi ha capito; gli ho detto ch’io voleva l’articolo della gazzetta.

Filippo. Signore, non v’inquietate. Poiché quel foglio che in Italia si chiama la gazzetta, qui passa sotto il nome de’ piccioli affissi.

Pandolfo. Ho capito. Vediamo se va bene, o se vi son degli errori.

Filippo. Avete voi perduto qualche cosa? Volete vendere? Volete ^^^ comprare?

Pandolfo. No no, si tratta di maritare mia figlia.

Filippo. Ma come?

Pandolfo. Sentite. Avviso al pubblico. (^) « E arrivato in questa » città un forestiere di nazione italiano, di professione mercante, » di una fortuna mediocre, e di un talento bizzarro. (^) Egli ha » una figlia da maritare, di età giovane, di bellezza passabile, » e di grazia ammirabile. Statura ordinaria, capello castagno, » bei colori, occhio nero, bocca ridente, spirito pronto, talento » raro, e del miglior cuore del mondo. 11 padre le darà la » dote (®) a misura del partito che si offrirà di suo genio, e di » quello della figliuola. Sono tutti due ^’^^ alloggiati alla locanda (1) Nelle ed.’ cit. c’è qui la virgola. (2) C. 9.: Questo. (3) C. s.: figlia. (4) Nelle cit.e ed. i, subito dopo queste parole, segue PandoKo: Ho capilo. Vediamo se va bene, e se Vi sono errori ecc. (5) C. s: Votele vendere, o votele ecc. (6) Nelle ed.’ cit.^ mancano le parole: Avviso at pubblico. (7) Nelle ed.’ cit. e ci sono qui due punti. (8) C. s.: di dote. (9) C. s.: lulli e due.