Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/445


ATTO TERZO

SCENA PRIMA.

Muta sino alla sortita del Conte e del Barone.

(Crespino esce dalla bottega con del pane, del formaggio, un piatto con qualche cosa da mangiare ed un boccale vuoto. Si fa luogo al suo banchetto per desinare. Tognino dal palazzino con una scopa in mano corre alla speziano ed entra. Crespino si mette a tagliare il pane, sempre senza parlare. Coronato dall’osteria con Scavezzo che porta una barila in spalla simile a quella che ha portato al Conte. Coronato passa davanti a Crespino, lo guarda e ride. Crespino lo guarda e freme. Coronato ridendo passa oltre, e va per la stessa scena ove ha portato la prima barila. Crespino guarda dietro a Coronato che parte, e quando non lo vede più, seguita le sue faccende. Tognino, dalla speziarla, viene a spazzare i Vetri delle caraffe rotte. Timoteo, correndo