Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/400



Conte. Non posso leggere, mi rompete la testa.

Timoteo. Perdoni, or ora ho finito. (seguita, staccia e ripesta)

Crespino. Ehi, Coronato. (lavorando e rìdendo)

Coronato. Cosa volete, mastro Crespino?

Crespino. 11 signor Conte non vuole che si batta, (batte forte sulla forma)

Conte. Che diavolo d’impertinenza, non la volete finire questa mattma?

Crespino. Signor illustrissimo, non vede cosa faccio?

Conte. E cosa fate? (con sdegno)

Crespino. Accomodo le sue scarpe vecchie.

Conte. Zitto là, impertinente. (si mette a leggere)

Crespino. Coronato! (rìdendo batte, e Timoteo batte)

Coronato. Or ora non posso più. (dimenandosi sulla sedia)

Scavezzo. Moracchio. (chiamandolo e rìdendo)

Moracchio. Cosa e’è, Scavezzo?

Scavezzo. Il signor Conte! (rìdendo e burlandosi del Conte)

Moracchio. Zitto, zitto, che finalmente è un signore...

Scavezzo. Affamato.

Giannina. Moracchio. (chiamandolo)

Moracchio. Cosa vuoi?

Giannina. Cosa ha detto Scavezzo?

Moracchio. Niente niente, bada a te, e fila.

Giannina. Oh, è gentile veramente il mio signor fratello. Mi tratta sempre così. (Non vedo l’ora di maritarmi), (con sdegno volta) la sedia, e fila con dispetto.

Susanna. Cos’è, Giannina? Che cosa avete?

Giannina. Oh se sapeste, signora Susanna! Non credo che si dia al mondo un uomo più grossolano di mio fratello.

Moracchio. Eh bene! Son quel che sono. Cosa vorresti dire? Finche state sotto di me...

Giannina. Sotto di te? Oh spero che vi starò poco, (con dispetto fila)

Evaristo. Via, cosa e’è? (a Moracchio) Voi sempre tormentate questa povera ragazza, (s’accosta a lei) E non lo merita, poverina.

Giannina. Mi fa arrabbiare.

Moracchio. Vuol saper tutto.