Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/333



Petronio. Vi faccio il mio umilissimo complimento.

Pantalone. Son rinato, ho acquista dies’anni de vita, no ghe xe adesso l’omo più felice de mi. El cielo ha provisto le mie creature. La virtù xe premiada, el merito xe ricompensa; ma con bona grazia de sior Florindo, la causa de tutto sto ben xe Camilla.

Camilla. Ah sì, io non posso bastantemente spiegarvi la mia contentezza. Presto presto, mandiamo a chiamar Arlecchino.

SCENA ULTIMA.

Arlecchino, Scapino e detti.

Arlecchino. Son qua, ho inteso tutto, me consolo con lor signori. Me rallegro co ste do signore che le sia proviste, me rallegro co sior Pantalon, che el sarà contento. E adesso che la casa ha da esser libera e desbarazzada, son qua, Camilla, se ti voi, son pronto a darle la man.

Camilla. L’accetto col maggior piacere del mondo, contenta di aver soddisfatto all’amore, e alla compassione, (si Janna la mano)

Pantalone. Sor fora de mi dall’allegrezza. Me giubila el cuor. Siori, compatime se dago in trasporti de giubilo, de consolazion. Son pare. Amo le mie care fìe, e no ghe xe al mondo amor più grando, amor più forte dell’Amor Paterno. Fine della Commedia.