Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/295



non sa niente, e si vergogna di non sapere, e loda e biasima quel che sente a biasimare e a lodare.

Pantalone. Bravissima. No se poi depenzer meggio i caratteri de ste quattro persone. Va là, che ti gh’ha una gran testa; el cielo in te le mie disgrazie m’ha dà la contentezza de do he che xe do oracoli, do maraveggie. Ti bravissima in te le scienze, e Angelica eccellente in tei canto.

Clarice. Non tanto, signor padre, non tanto. Non fate che l’amor vi trasporti. Non giudicate di noi per passione.

Pantalone. So quel che digo. Vedo, capisso, intendo, e no son de quei pari, che se lassa orbar dall’amor. Di’, Clarice, dime, fia mia, giersera, stamattina, astu fatto gnente, astu composto gnente?

Clarice. Niente, signore, posso dir quasi niente.

Pantalone. Co son vegnìi in te la to camera, ho visto che ti scrivevi.

Clarice. Per dir la verità, faceva un piccolo sonettino.

Pantalone. Un sonetto? Brava. Via, famelo sentir sto sonetto.

Clarice. Ma non è ancora finito. Mi mancano le due terzine.

Pantalone. N’importa, fame sentir qualcossa.

Clarice. Lo farò per obbedirvi. (tha fuori la caria)

Pantalone. Mo che allegrezza! mo che consolazion, aver una fia de sta sorte! Co te sento a parlar, me desmentego tutte le mie disgrazie. Co sento qualcuna delle to composizion, me par de esser un omo ricco, un omo felice, no me scambierave con un re de corona.

SCENA VI.

Arlecchino e detti.

Arlecchino. Sior Pantalon, la reverisso.

Pantalone. (Oimei! Costù me vien a amareggiar la consolazion). Ve reverisso, sior Arlecchin.

Arlecchino. Alo fatto bon viazo?

Pantalone. Cussi e cussi. (Aspettè, no andè via). (a Clarice)