Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/246

236 ATTO SOLO

Cameriere. È occupata, signore.

Tenente. È occupata? Chi c’è dentro?

Cameriere. Un cavaliere milanese con una dama, che dicono sia sua figliuola.

Tenente. È bella?

Cameriere. Non c’è male.

Tenente. Da dove vengono?

Cameriere. Da Milano.

Tenente. Dove vanno?

Cameriere. Non glielo so dire.

Tenente. Ed a far che si trattengono qui in Vercelli?

Cameriere. Sono arrivati qui per la posta. Riposano; hanno ordinato il pranzo, e passate che saranno le ore più calde, proseguiranno il viaggio.

Tenente. Bene; se si contentano, noi pranzeremo insieme.

Marchese. No, caro amico, spicciamoci. Prendiamo un po’ di rinfresco e seguitiamo la nostra strada.

Tenente. Caro Marchese, io sono partito con voi da Torino1 per compiacervi, vi faccio compagnia assai volentieri; ma viaggiare a quest’ora, con questo sole e con questa polvere, non mi comoda molto.

Marchese. Un militare si lascia far paura dalla polvere e dal calore del sole?

Tenente. Se io fossi obbligato a farlo per i doveri del mio mestiere, lo farei francamente, ma quando si può, la natura insegna ad isfuggire gl’incomodi. Vi compatisco, se vi sollecita il desiderio di vedere la vostra sposa; ma abbiate ancora un poco di carità per l’amico.

Marchese. Sì, sì, ho capito. L’occasione di pranzare con una giovane vi fa temere il caldo e la polvere.

Tenente. Eh corbellerie! Quattr’ore prima, quattr’ore dopo, domani noi saremo a Milano. Cameriere, preparateci da mangiare.

Cameriere. Sarà servita.

  1. Nell’ed. Pitteri sì trova stampato, qui e più avanti, Turino.