Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/172



che fessi del ben. Ma finalmente, qua se ben visto; e in Mo- scovia no savè come che la ve possa andar.

Polonia. De dia! No digo che sior Anzoletto sia un cattivo des- segnador. Ma che ghe sia in Moscovia sta carestia de desse- gnadori, che i abbia de grazia de vegnirghene a cercar uno a Venezia?

Anzoletto. Ghe dirò, patrona...

Cosmo. Sior Anzoletto, che 1 vegna dessìi dal patron, che I ghe voi parlar.

Anzoletto. Vegno. Ande; diseghe che vegno subito, (a Cosmo) che parte) Ghe dirò, se le me permette. Xe un pezzo che i des- segni de sto paese piase e incontra per tutto. Sia merito dei desse- gnadori, o sia merito dei testori, i nostri drappi ha chiappa con- cetto. Xe andà via dei laoranti, e i xe stai ben accolti. Se gh’ha manda dei dessegni, i ha a vìi del compatimento; ma no basta gnancora. Se voi provar se una man italiana, desse- gnando sul fatto, sul gusto dei Moscoviti, possa formar un misto, capace de piaser alle do nazion. La cossa no xe facile, ma no la xe gnanca impussibile. El mal grando xe questo, che i ha falla in te la scielta, che mi son l’infimo dessegnador, e che ’1 progetto bellissimo xe in pericolo per causa mia. Ciò non ostante ho risolto d’andar. Chi sa? Son sta compatì©, senza merito, al mio paese; posso aver sta fortuna anca via de qua. Farò el mio dover. De questo me comprometto; l’ho sempre fatto, e procurerò sempre de farlo; e se la mia insuf- ficienza no permetterà che sia applaudide in Moscovia le mie operazion, almanco cercherò d’imparar; tornerò qua con delle nove cognizion, con dei novi lumi, e provederò i mii testori, e servirò la mia patria, che ha sempre avudo per mi tanta cle- menza e tanta benignità. (parte)

SCENA XVi.

Domenica, Marta e Polonia.

Marta. Respondèghe, se ve basta l’anemo.